Luce Divina Quotidiana

Carissimi, con profonda gratitudine verso il Signore, Pastore e Guida del suo popolo e in particolare della nostra Opera, vi presento una nuova serie di dettati che ci stanno giungendo a ritmo pressoché quotidiano tramite Anna Maria.

È davvero provvidenziale per noi questa parola di stimolo, di conforto nel caos attuale che purtroppo inquina anche la Chiesa, annebbiando il suo ruolo insostituibile di Maestra di Verità per tutti i popoli.

Padre Gianfranco Verri

6-08-2019

“Nuova Aurora di vita universale”

Luce divina quotidiana d’eterno amore n. 133

Risalite la corrente decaduta di Adamo

6/8/2019

La luce della verità illumini le vostre menti e i vostri cuori sull'eccipiente* operativo delle vostre anime, per il risanamento del criterio di vita che promuova solo il comportamento positivo ai fini del bene dell'intera umanità. 

L'indegnità, la perversione, il trascurare il bene proprio ed altrui è di per sé peccato. 

La reticenza** nel compiere il bene non deve derivare se non dalla prudenza di non commettere il male. 

Si rendano sensibili le anime all'ascolto della parola di Dio e all'importanza della Divina Volontà. 

Solo così il male e la rovina sia personale che ambientale possono essere evitati. 

La fede in Dio Trinità e la maternità di Maria SS. non sia mai trascurata per risalire la corrente decaduta di Adamo. 

La serenità del cielo, la luce del sole e solo il puro e vero amore siano valori di nuova e vera vita. 

Importante è meditare e lasciarsi trasfigurare dalla conoscenza profonda e desiderata, per ottenere la trasfigurazione stessa dell'anima e del corpo. 

Esigere la salute, la bellezza e la bontà solo dagli altri è pretesa che deve far meditare la condizione di indifferenza dell'anima, che si traduce in rovina della vita stessa. 

Il cristiano credere ed amare è possibilità unica per conoscere e vivere il mistero divino della felicità eterna, che tutti salva e fa conoscere di Dio l'amore. 

------------ 

Chiarisco due termini usati dal Signore. 

Il primo *eccipiente, va inteso come capacità di accogliere. 

Il secondo ** La reticenza nel compiere il bene: significa esitazione, ... il non decidere, nell'astensione dal ... (pGV)

 

 

Cerca